A MANI VUOTE MA A TESTA ALTA

Eccellenza

VIRTUS – HELLAS CUNARDO 2 – 5 ( 1 – 1 )

Formazione: Noè, Cattaneo, Graziano Ale, Impelluso, Bergamaschi, Amati, Pallaro
Panchina: Arborio, Mancuso, Mappelli, Viola, Boccalari, Rubello
Marcatori: Amati, Impelluso

E venne finalmente il giorno di incontrare la dominatrice del campionato fino a questo momento, Per l’undicesima giornata di campionato ospitiamo L’Hellas Cunardo squadra neo promossa che finora ha fatto filotto pieno, 10 partite 10 vittorie, saremo noi a fermarli? Gli avversari sono davvero forti e annoverano tra le loro fila individualità di spicco specialmente in attacco, beh a noi poco importa sappiamo che se facciamo il nostro gioco possiamo mettere in difficoltà chiunque nonostante assenze per squalifica importanti, oltre a Fede (che deve scontare ancora 2 giornate) stasera manca anche Marcello squalificato per raggiunto limite di ammonizioni. L’approccio alla gara è ottimo, il primo affondo è degli ospiti, bomber Nasti controlla un pallone nella nostra area e girandosi si lascia cadere, bravo l’arbitro a non abboccare, poco dopo passiamo in vantaggio con un’azione che ormai è un nostro marchio di fabbrica, rimessa laterale battuta rapidamente da Sandro che trova Diego pronto all’inserimento nell’area avversaria dove il nostro terzino goleador a tu per tu col portiere non sbaglia. Passa qualche minuto e Sandro si divora il 2 a 0 solo davanti al portiere, mannaggia. Gli avversari si fanno pericolosi su punizione centrando la parte superiore della traversa. Quando non manca molto alla fine del tempo perdiamo una sanguinosa palla a centrocampo l’attaccante avversario entra nella nostra area e Diego si rende protagonista di un’ottima diagonale difensiva facendosi tamponare dallo stesso attaccante, l’arbitro che prima era stato bravo questa volta non si capisce cosa veda ed assegna il rigore cogliendo una topica colossale, vane le nostre proteste, palla sul dischetto e gol del pareggio. Si gioca ancora per qualche minuto prima di andare al riposo senza che il risultato cambi. Iniziamo la ripresa con la stessa intensità e determinazione ma a segnare il gol del 2 a 1 sono gli avversari, questa volta con un pezzo di bravura del solito Nasti, che dopo un paio di dribbling spiazza Christian chiudendo il tiro sul primo palo. Siamo comunque totalmente in partita, non passa molto ed Impe al termine di una bella azione viene atterrato all’inteno dell’area avversaria, rigore solare per tutti tranne che per l’arbitro che invece assegna la punizione dal limite dell’area. Fortunatamente battere una punizione dal limite con le dimensioni delle porte che abbiamo quest anno è quasi come tirare un rigore ed infatti Impe scarica una cannonata sotto la traversa che non lascia scampo al portiere. 2-2 ed inerzia dalla nostra parte, ma in questo campionato le cose facili non ci piacciono, non è passato neanche un minuto dal gol del pareggio che pensiamo bene di farci gol da soli, lancio lungo degli avversari, incomprensione tra Sandro che appoggia di testa all’indietro e Chri che nel frattempo è uscito e palla che scivola dolcemente in fondo alla rete. Per il morale è una mazzata, non per le gambe perché ci rimettiamo a testa bassa ad attaccare ed il loro portiere compie almeno un paio di ottime parate, ma così facendo lasciamo il contropiede agli avversari che puntualmente ci puniscono con il quarto e quinto gol, arrivati comunque ancora con una nostra gestione del pallone sbagliata. Al triplice fischio rimane netta la sensazione di qualcosa che poteva essere ed invece non è stato, riceviamo i complimenti degli avversari che però non portano punti. Quest’anno va così al minimo errore (soprattutto in casa) paghiamo dazio e lo paghiamo caro, le prestazioni (a parte forse la partita con il s.eusebio) sono sempre state buone ed avrebbero dovuto fruttare sicuramente qualche punto in più, 5 sconfitte sono tante ma in nessuna di queste l’avversario si è dimostrato più forte. Ripartiamo, Forza ragazzi!!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.