La squadra – Eccellenza 2010-2011


In piedi, da sinistra: Enrico Crespi (factotum della squadra), Marco Cattaneo, Roberto Barozza, Marco Azzimonti , Christian Noè, Diego Amati, Marco Casiraghi, Manuele Genoni (guardalinee ufficiale), Alessandro Crespi (addetto stampa)

Accovacciati, da sinistra: Giovanni Gentile, Massimo Gentile, Matteo Bergamaschi, Andrea Impelluso, Alessandro Milani, Mister Claudio Moriggia, Mario Gentile, Federico Gatti

————————————-

In piedi da sinistra: L’enry, Ebho, Baro, Azi, Tyson, Thiago Silva, Casi, Ginocchio, Ale

Accovacciati da sinistra: Gine, Ghento, Teo, Peli, Gufo, Rino, Mario, Fede

16 pensieri su “La squadra – Eccellenza 2010-2011”

  1. Bella foto! Cmq l’enry credo dovrebbe essere il Lerry…e azzi effettivamente con due z.
    Da ultimo Diego è più forte di Tiagone e soprattutto non è frocio…

    1. GRANDISSIMO STEVE!!!! NON C’E’ + RISPETTO!!! RICORDIAMO OLTRE ALL’UOMO DEI RECORD (X KI NON L’HA CAPITO IL SOTTOSCRITTO) LA MANCANZA DI MILANI FA, LANDINI MARCO, MARCELLO MILANI, MATTEO RUGGERI…

      VOTO ZERO AI WEBMASTER!

  2. Notare il dettaglio sullo sfondo … IL MONDO . L’ho tenuto nell’inquadratura per fare le veci di Pier … se ci applichiamo una foto tessera in cima nessuno si accorge della differenza.
    Fabio invece lo possiamo far spuntare dalaa finestra della casa dietro …

  3. Tutto si decide oggi.
    Ora, noi o risorgiamo ….come squadra. . .. . .o cederemo
    Un centimetro alla volta, uno schema dopo l’altro, fino alla disfatta.
    Siamo all’inferno adesso, signori miei.
    Credetemi.
    E possiamo rimanerci,farci prendere a schiaffi . .oppure
    . . aprirci la strada lottando verso la luce.
    Possiamo scalare le pareti dell’inferno.
    . . .un centimetro alla volta………
    . .il margine di errore è ridottissimo.
    Capitelo
    Mezzo passo fatto un pò in anticipo o in ritardo e voi non c’e la fate
    Mezzo secondo troppo veloci o troppo lenti e mancate la presa.
    Ma i centimetri che ci servono sono dappertutto sono intorno a noi.
    Ce ne sono in ogni break della partita, ad ogni minuto, ad ogni secondo.
    In questa squadra si combatte per un centimetro.
    In questa squadra, massacriamo di fatica noi stessi . .
    . . .e tutti quelli intorno a noi, per un centimetro.
    Ci difendiamo con le unghie e con i denti per un centimetro….
    . . .perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri. . .
    . . .il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta!
    la differernza fra vivere e morire
    E voglio dirvi una cosa. In ogni scontro. . .
    . . .è colui il quale è disposto a morire che guadagnerà un centimetro.
    E io so che se potrò avere una esistenza . .appagante
    sarà perchè sono disposto ancora a battermi e a morire per quel centimetro.
    La nostra vita è tutto lì, in questo cosiste
    è in quei dieci centimetri davanti alla faccia!
    Ma io non posso obbligarvi a lottare!
    Dovete Guardare il compagno che avete accanto!
    guardarlo negli occhi!
    Io scommetto che ci vedrete un uomo determinato a guadagnare terreno con voi!
    che ci Vedrete un uomo. . .che si sacriferà volentieri per questa squadra
    cosapevole del fatto che quando sarà il momento … voi farete lo stesso per lui
    .
    Questo è essere una squadra, signori miei
    perciò o noi risorgiamo adesso, come collettivo. . .
    . . .o saremo annientati individualmente.
    è il football, ragazzi.
    È tutto qui.
    Allora. . . che cosa volete fare???

  4. ho rivisto questo film lunedì dopo gli allenamenti,SPETTACOLO!ti carica!
    è un pò esagerato come discorso,ma anche a noi serve un pò di carica e un gruppo compatto!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: