PERSO IL TRENO REGIONALE…

Eccellenza

DREAM TEAM – VIRTUS 4 – 3 ( 1 – 0 )

FORMAZIONE: Noè, Cattaneo, Graziano Ale, Impelluso, Amati, Milani M, Pallaro
Panchina: Gatti, Arborio, Bergamaschi, Boccalari, Rubello
Marcatori: Milani M, Pallaro, Graziano Ale

Ultima chiamata per i ragazzi di Mister Biondi, oggi infatti in quel di Tradate si scende in campo contro il Dream Team secondo in classifica, una nostra vittoria darebbe ancora linfa e speranza per il raggiungimento del secondo posto che varrebbe la qualificazione alla fase regionale, un pareggio o addirittura una sconfitta chiuderebbero ogni possibilità di recupero (la matematica direbbe di no ma la logica e la razionalità si). Formazione standard con Chri che torna a difendere i nostri pali, fede recuperato al 100% parte in panchina. L’inizio è ottimo e sfioriamo subito il vantaggio con Sandro che in spaccata manda il pallone sopra la traversa, subito dopo la palla buona tocca a Diego che però non riesce a coordinarsi bene e permette al portiere di respingere il tiro. Il pallino del gioco è in mano nostra ma come è ormai consuetudine gli avversari al primo affondo ci fanno gol con un’azione di rimessa. Poco male ricominciamo a giocare e a creare palle gol, l’urlo di gioia ci viene strozzato in gola da un salvataggio sulla linea del difensore che riesce a togliere dalla porta il pallonetto con cui Diego aveva superato il portiere. Sempre Diego ( si sempre lui, povero) a pochi minuti dalla fine s’inserisce bene all’interno dell’area ma la conclusione è troppo centrale ed il portiere devia sopra la traversa, nel finale Chri evita il secondo gol (su 2 tiri) dei padroni di casa con una bella parata. Finiamo sotto di un gol un’incredibile primo tempo in cui (non me ne vogliano i padroni di casa) abbiamo dominato. Iniziamo la ripresa con Fede in campo (già entrato nel finale del primo tempo) al posto di un’inconsolabile Diego, e il canovaccio non cambia come non cambia il fatto che sprechiamo palle gol, questa volta è Palla che di testa ad un metro dalla porta non riesce a fare centro. Siamo parecchio sbilanciati in avanti, Eboh perde palla a centrocampo e gli avversari partono in due contro zero e per loro è un gioco da ragazzi siglare il 2 a 0 (Chri fa quasi il miracolo ma sfiora solo il pallone), poco dopo da un rilancio del portiere subiamo addirittura il terzo gol lasciando però che il primo ad avventarsi sul pallone sia l’uomo più forte degli avversari che una volta stoppata la palla aggira Christian e deposita in rete il pallone. Sembra una barzelletta ma è tutto vero. Il nostro smisurato orgoglio ci permette di accorciare le distanze con un tiro a foglia morta (paragone che farebbe rabbrividire gli estimatori di Mario Corso) di Marcello, ma purtroppo i padroni di casa ristabiliscono subito le distanze segnando di tacco su calcio d’angolo. Mancano 6-7 minuti alla fine della partita, la dea bendata si ricorda che esistiamo anche noi, un tiro di Palla viene deviato e spiazza il portiere, riversiamo tutte le energie per cercare l’impresa, il terzo gol arriva grazie ad un’azione personale di Sandro. L’arbitro chiama 2 minuti di recupero, usufruiamo di una rimessa laterale nella metà campo avversaria, Marci (credo) batte cercando Impe ben posizionato fuori area ma l’arbitro è sulla traiettoria del pallone e non permette ad Impe di calciare liberamente e su questa azione si conclude definitivamente la partita e la nostra rincorsa al secondo posto. Siccome nel calcio vince chi fa un gol in più e non chi gioca meglio facciamo i complimenti ai ragazzi del Dream Team che stanno meritando la posizione in classifica, noi usciamo dal campo come sempre a testa alta e consapevoli che nelle 8 sconfitte fin qui subite nessuno ci ha messo sotto dal punto di vista del gioco ma indubbiamente abbiamo dei limiti che quest’anno un pò per sfortuna e un pò per demerito nostro non riusciamo proprio a risolvere. Adesso non è che perchè il secondo posto è sfumato dobbiamo pensare che la stagione sia finita, la mentalità deve restare quella di andare in campo sempre per dare il massimo e vincere le partite e come sempre, FORZA VIRTUS!!!

UNDER 10

VIRTUS – ROBUR SAN GIULIO 1 – 4 (Riassunto di Simone Castellazzi)

Il 29 Gennaio io e i miei amici della VIRTUS abbiamo giocato una partita di campionato, la squadra avversaria era la ROBUR SAN GIULIO che è prima in classifica quindi il mister ci aveva raccomandato di mantenere le posizioni, di passarci la palla e di stare molto attenti.Incominciata la partita però abbiamo subito rischiato e preso un goal e poi purtroppo un altro. Anche se siamo riusciti a segnare il goal del 2 a 1 alla fine abbiamo perso 4 a 1.Il mister ci ha detto che non siamo stati bene attenti però sicuramente loro erano molto forti.
Anche se stavolta abbiamo perso… FORZA VIRTUS. Ciao da Simone.

ADDIO SOGNI DI GLORIA??

Eccellenza

VIRTUS – SOMMA 3 – 3 ( 1 – 2 )

Formazione: Rubello, Cattaneo, Graziano Ale, Impelluso, Milani M, Amati, Pallaro
Panchina: Arborio, Bergamaschi, Gatti, Mappelli, Valentino, Boccalari
Marcatori: Pallaro, Arborio, Milani M

Dopo la sconfitta della settimana scorsa contro il Biumo i ragazzi di mister Biondi sono tenuti a riscattarsi contro il fanalino di coda della classifica, a farci visita è la compagine del Somma, vietato pensare che sia una passeggiata, i sommesi dopo un inizio disastroso si sono ripresi e sono in piena lotta per non retrocedere perciò venderanno cara la pelle. La formazione di partenza vede ancora Rubo tra i pali, recuperiamo gli acciaccati Impe e Marci, anche Fede è a disposizione ma il suo utilizzo sarà valutato solo a partita in corso. L’approccio alla partita è un po’ “soft” ed infatti dopo un minuto di gioco siamo già sotto, gli avversari sono più lesti a recuperare un pallone vagante nella nostra area a seguito di un calcio d’angolo e realizzano il gol con un tiro ravvicinato. Il gol subito ci sveglia dal torpore, Diego è protagonista di un’ottima iniziativa personale sulla fascia, saltato l’uomo con un elegante pallonetto offre a Palla un assist che il nostro cavallone trasforma nel gol del pareggio, subito dopo lo stesso Palla chiede il cambio per un impellente bisogno fisiologico, al suo posto entra Teo. Gli avversari cercano sempre le giocate del loro centravanti per metterci in difficoltà e di sfruttare la loro maggiore fisicità sui calci piazzati e ahinoi proprio dagli sviluppi di un calcio di punizione trovano il nuovo vantaggio con un colpo di testa deviato anche da Ebho che Rubo vede all’ultimo momento e non riesce a trattenere. La nostra reazione è più di nervi che di logica ma di occasioni clamorose non ne creiamo a parte un tiro di Impe all’ultimo secondo che deviato sbatte contro il palo. Finisce così 2 a 1 per gli avversari un primo tempo giocato malino da parte nostra. Iniziamo la ripresa con Arbo che prende il posto di Teo in attacco. Siamo più determinati e schiacciamo gli avversari nella loro metà campo, iniziamo l’assedio, Marci è decisamente sfortunato perché colpisce per 2 volte il palo (la prima in pieno, nella seconda lo scheggia con un bel diagonale). Il meritato pareggio arriva grazie ancora ad una sgroppata di Diego sulla fascia, traversone nell’area avversaria sul quale interviene Arbo in spaccata, 2-2. L’inerzia adesso è dalla nostra parte, Arbo si divora il tre a due solo davanti al portiere, non manca molto, Teo rientra in campo al posto di Arbo e quando siamo allo scadere arriva il sospirato gol del vantaggio frutto di un’azione insistita in cui prediamo il palo prima con Teo e poi con Ebho, sulla ribattuta la palla arriva a Marci che con un tiro a parabola manda il pallone a picchiare sul palo interno e poi in porta. Sembrerebbe il gol che ci regala i tre punti che sarebbero anche meritati, ma l’arbitro chiama tre minuti di recupero e non so per quale motivo in questi tre minuti lasciamo l’iniziativa agli avversari che con due punizioni prima trovano il pareggio e poi si rendono ancora pericolosi con una deviazione che fa schizzare il pallone poco sopra la traversa. Al triplice fischio la delusione è palpabile, tre punti che potevano essere fondamentali sfumati quando sembravano già nostri La corsa per il secondo posto è seriamente compromessa ma fino a quando non sarà la matematica a condannarci abbiamo l’obbligo di crederci. Forza Ragazzi

BASTA GIOCARE BENE E PERDERE….

Eccellenza

ELPIS BIUMO – VIRTUS 4 – 2 ( 2 – 1 )

Formazione: Rubello, Cattaneo, Milani M, Impelluso, Gatti, Amati, Pallaro
Panchina: Noè, Bergamaschi, Graziano Ale, Mappelli, Arborio
Marcatori: Impelluso, Gatti

Per la quarta giornata del girone di ritorno ci aspetta la trasferta Domenicale a Varese, avversari i ragazzi del Biumo. Crocevia importante per la classifica, infatti siamo appaiati in classifica (loro con un partita da recuperare) e chi dovesse vincere oggi lancerebbe un bel messaggio anche se ovviamente manca ancora molto alla fine del campionato. Formazione di partenza pressoché standard con Rubo che difende ancora i nostri pali visto che Christian nonostante sia recuperato non ha ancora ripreso gli allenamenti. L’inizio gara è buono, facciamo girare il pallone anche se le ridotte dimensioni del campo non rendono la cosa semplice, la prima occasione la crea Marci che dopo aver saltato un paio di avversari scarica un potente sinistro che scheggia l’incrocio dei pali. Occasione più pulita capita poi a Diego che su traversone teso di Fede interviene in spaccata ad un paio di metri dalla porta ma il pallone finisce alto. Il vantaggio è nell’aria ed arriva con una bella conclusione da fuori Impe. La gioia però dura poco, gli avversari che fino ad ora si sono limitati a lunghi lanci cercando la forte punta , trovano il pareggio sfruttando un nostro errore nella gestione dl pallone ( quest’anno non ci perdonano niente, ogni errore lo paghiamo subendo gol) e dopo un paio di minuti passano addirittura in vantaggio con un colpo di testa all’interno dell’area con Rubo che in uscita viene anticipato dall’attaccante. Tutto da rifare, come già successo tante volte in questa stagione noi giochiamo a calcio e gli altri fanno i gol. Riprendiamo a giocare e sciupiamo in maniera clamorosa il gol del pareggio, partiamo in contropiede in tre, davanti a noi c’è solo il portiere avversario ma non riusciamo a buttarla dentro, Impe calcia (sarebbe stato più opportuno allargare su Fede o Sandro) il portiere respinge, sulla ribattuta interviene Fede ma il portiere respinge ancora, incredibile. Nei minuti restanti continuiamo ad attaccare ma il primo tempo si chiude con il vantaggio dei padroni di casa. Inizia la ripresa e il copione non cambia, i nostri sforzi però vengono premiati e troviamo il pareggio con un bel diagonale di sinistro di Fede che purtroppo nel calciare sente “tirare” il flessore ed è costretto ad uscire (speriamo si tratti solo di un piccolo stiramento). Il pareggio ritrovato dovrebbe darci lo slancio per cercare la vittoria, invece paghiamo caro l’ennesima distrazione, su calcio d’angolo per gli avversari lasciamo libero un uomo appostato appena fuori dall’area di rigore che servito calcia un potente rasoterra che Rubo vede all’ultimo e non riesce a respingere. Porca miseria dobbiamo ancora rincorrere, le occasioni non mancano, Diego a tu per tu con il portiere si fa respingere il tiro ( a questo punto credo che gli abbiano fatto qualche macumba, vada da uno stregone o da un’esorcista) e mentre noi giochiamo e creiamo occasioni senza riuscire a buttarla dentro gli avversari segnano il quarto gol, questa volta tutto merito di chi lo realizza che saltato un nostro uomo scaglia un siluro che sbatte sul palo e finisce in rete. Mancano dieci minuti, ci proviamo fino alla fine, ci viene probabilmente negato anche un rigore ma sta di fatto che arriviamo alla fine senza più segnare. Sinceramente mi sono un po scocciato di scrivere che la prestazione è stata ottima perché giocare bene e perdere non è per niente bello, non possiamo creare 6-7 palle gol a partita e realizzarne la metà o addirittura meno, non so se si tratta di mancanza di cattiveria sotto porta o solo sfortuna, so che bisogna invertire la rotta a tutti i costi. Comunque, anche se la sconfitta odierna è pesante per le nostre ambizioni di secondo posto non bisogna mollare di una virgola, le partite da giocare sono tante e abbiamo l’obbligo di provarci fino alla fine. FORZA RAGAZZI!!!!

UNDER 10

AUDAX – VIRTUS 2 – 4 (Riassunto di Andrea Guerini)

14/01/2017
Finalmente dopo tanti rinvii siamo riusciti a giocare contro l’audax. All’inizio del primo tempo abbiamo giocato un po male e infatti abbiamo preso un gol e in più Julian è caduto, ma poi abbiamo recuperato con uno stupendo gol di Mario.Fine primo tempo 1-1. Poi Mario ha fatto la doppietta ma i nostri avversari hanno recuperato con un’altra rete. Fine secondo tempo 2-2. Andrea e Simone ci hanno portato alla vittoria con 2 fantastici goal. Risultato finale: partita vinta dalla Virtus 4-2. Siamo sempre più bravi. Forza Virtus

PRONTO RISCATTO

Eccellenza (cronaca di GATTI FEDERICO)

VIRTUS – BIDONE 3 – 2 (1 – 2)

Formazione: Rubello,Cattaneo,Graziano Ale,Impelluso,Amati,Mialni M,Gatti
Panchina: Mancuso,Pallaro,Mappelli,Boccalari,Valentino
Marcatori: Gatti 2, Milani M

Steve pensa bene di andare a festeggiare il compleanno (auguri); prima della partita mi assegna il compito ingrato di scrivere la cronaca della partita. Lo faccio ripensando con piacere a più di 10 anni fa quando ero il reporter/tifoso della squadra e raccontavo le avventure della compagine bianco blu nel cammino verso l’olimpo del CSI (eccellenza). Veniamo al match: temperatura zero gradi centigradi circa; terreno duro, molto duro ma almeno non si pattina come Domenica scorsa a gallarate. Si fa solo fatica a coordinarsi. Primo tempo: partiamo meglio noi avendo il pallino del gioco, Peli palo esterno, Marci fuori di poco. Deambroggi si carica tre di noi sulle spalle, si fa tutto il campo, la mette in mezzo e l’attaccante loro cerca la deviazione con il tacco. Non va. Giro palla lento da parte nostra, subiamo il pressing avversario che ci costringe all’errore di passaggio, ne approfittano e segnano con un bel gol a fil di palo da tiro centrale. 0-1. Siamo sbilanciati e su un’altra palla gestita male sulla trequarti subiamo la ripartenza veloce. L’avversario ci mette a sedere in tre compreso il portiere e insacca. 0-2. Siamo in tilt e gli avversari mancano il colpo del ko e sono anche costretti al cambio portiere causa infortunio alla spalla. Riprendiamo a macinare gioco e gigio solo davanti al portiere viene sbilanciato dal difensore e conclude debolmente; Diego sugli sviluppi di una rimessa laterale manda fuori di testa all’altezza del dischetto del rigore. Buon giro palla, vedo eboh inserirsi alla spalle delLa linea difensiva e lo cerco, eboh manca la palla sul cross leggermente alto ma inganna il portiere che deve raccogliere la palla in rete. 1-2. Secondo tempo: Ripartiamo aggressivi e con delle conclusioni dalla mezza arriviamo al pareggio con bel mio tiro di sinistro da fuori area. 2-2. Loro alzano i ritmi e sbagliamo a cercare di metterla sul ritmo contro di loro. Dovremmo ragionare di più ma ci facciamo prendere dalla frenesia. Fisicamente sono devastanti e molto bravi ad inserirsi con i centrocampisti che sfruttano le sponde dei due forti attaccanti. Il palo ci da una mano su un bel diagonale del Mazzo e il loro difensore su azione successiva non approfitta di un rimpallo che lo fa ritrovare a spalle girate davanti al nostro portiere. Colpo di tacco alla Crespo ma fuori di poco. Sono impreciso con due tiri da buona posizione. Bel diagonale di Gigino salvato sulla linea dal difensore. Il sorpasso ce lo regala Marci con una bella conclusione di sinistro sul primo palo che non lascia scampo al portiere. 3-2. Gli avversari recriminano per due contatti dubbi nella nostra area che non vengono sanzionati. Sprechiamo il gol della sicurezza 3 contro 2 con il difensore che salva sulla linea una conclusione di Pallaro, la palla carambola sul palo e arriva a Peli che non riesce a concludere (dobbiamo cercare di liberarlo più spesso al tiro conoscendo le sue potenzialità balistiche). Rubello si immola in uno contro uno con l’avversario consentendoci di portare a casa i 3 punti. Ottima la prova del nostro secondo portiere alias DonnaRUBO, sempre sicuro tra i pali e autore di parate di pregevole fattura. Dopo 2 punizioni per loro che finiscono in niente arriva il triplice fischio. Tre punti fondamentali per noi, bravi a non mollare dopo essere stati sotto di due reti.

TROVATA LA NUOVA BESTIA NERA….

Eccellenza

M.I.C. – VIRTUS 3 – 1 ( 2 – 0)

Formazione: Rubello, Cattaneo, Graziano Ale, Impelluso, Milani M, Gatti, Pallaro
Panchina: Amati, Mancuso, Mappelli, Valentino, Boccalari, Bergamaschi
Marcatori: Impelluso

Eccoci, si ricomincia a “giocare” dopo la pausa per le festività e si ricomincia con la trasferta di Domenica mattina in quel di Gallarate contro i ragazzi della Madonna in campagna. Fa freddo ed infatti la nostra sarà l’unica partita del week-end visto che tutte le altre sono state rinviate per campi impraticabili. Diciamo subito che anche il campo su cui dobbiamo giocare non è nelle condizioni ideali, duro come il sasso e con una fascia dove ci vorrebbero le catene per stare in piedi. La formazione di partenza è pressoché la solita con l’eccezione del portiere, Chri appiedato dalla febbre lascia il posto a Rubo che così fa il suo esordio in eccellenza. Iniziamo la partita con il giusto piglio e dopo qualche minuto arriva la prima palla gol, con Palla che a pochi metri dal portiere ma in precario equilibrio calcia alto, il pallino del gioco è in mano nostra ma come spesso accade nel calcio al primo tiro gli avversari fanno gol, e che gol, tiro al volo da lontano che s’infila quasi nel sette lasciando Rubo di sasso, insomma, non si offenda l’autore ma questo è quello che viene definito in gergo “il gol della Domenica”, Come se niente fosse ricominciamo a macinare gioco alzando ulteriormente il baricentro creando azioni pericolose ma che ahi noi non si concretizzano, gli avversari invece ripartono in contropiede e centrano una traversa con un tiro dal limite dell’area e all’ultimissimo secondo trovano addirittura il gol del raddoppio con un’azione insistita. Iniziamo la ripresa con Diego che prende il posto di Palla (uscito per il riacutizzarsi del dolore alla caviglia infortunata in allenamento), la prima clamorosa palla gol capita agli avversari ma questa volta Rubo dice di no con una parata strepitosa, passato il pericolo iniziamo noi il tiro a segno, occasioni a raffica capitano ad Impe e a Diego ma un pò per bravura del portiere e un pò perché potevamo fare meglio noi la palla non vuole entrare, più passano i minuti e più è forte la sensazione che questa partita non riusciremo a raddrizzarla. Nel tentativo disperato di alzare ulteriormente il baricentro il Mister toglie Sandro e mette Teo ma anche questa mossa non porta frutti, quando mancano 3 o 4 minuti alla fine gli avversari mettono il punto esclamativo sulla vittoria siglando su punizione il terzo gol. Il nostro smisurato orgoglio ci permette di realizzare con Impe praticamente allo scadere il gol della bandiera. Che dire, la prestazione c’è stata, ai nostri ragazzi non possiamo rimproverare niente, chi segue il calcio sa che ci sono partite come queste. Certo per le nostre ambizioni è un duro stop ma bisogna tenere la testa alta e pensare subito alla prossima partita. Forza Ragazzi!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: